“Tut-Pinguino” ottobre 2017

Dimensioni: h 66 x 17 x 17

Materiale: marmo di Carrarra

Avendo ricevuto in regalo questo blocco di marmo stretto e alto ho pensato che ci poteva stare un pinguino particolare, iniziandolo a scolpire ho visto che ci stava un copricapo dell’antico Egitto e allora l’ho chiamato “Tut- Pinguino” pensando al Faraone Tutankhamon, chissà! magari una nuova divinità egizia.

Ringrazio il bravo artista pittore Fabio Lippi che mi ha donato questo marmo.

“Spirito dell’arte” giugno 2017

Materiale: Bronzo – basamento in pietra ollare locale

dimensioni: 12 x 6,5 x h 28

Ho voluto rappresentare questa scultura dal busto a forma di obelisco, questo antico monumento egizio ripreso anche da varie società e presente anche nelle nostre valli.

La sua forma a base quadrata, stretta e allungata che culmina con una piccola testa come se fosse una figura, uno “Spirito” che racchiude con la sua forma varie arti: la danza rappresentata dalla figura alta e snella vestita da un lungo camice, la musica dalle braccia a forma di saxofono, la poesia dalla pergamena, la recitazione dalle maschere teatrali, il dipinto dalla cornice e la scultura attraverso la figura stessa.

Che questo “Spirito dell’arte” lavori e  fecondi la nostra mente  concretizzando i nostri sogni.

Ho realizzato questo scultura premio in occasione del “Chiavenna Festival” dove come ospite d’onore c’e stata la ballerina Carla Fracci, suo marito, regista teatrale Beppe Menegatti e la fotografa personale della Signora,  Lucia Baldini.

Sinceramente non la vedo come una mia scultura, sono stato vincolato perché dovevo realizzare  un piccolo premio che racchiudesse varie forme di arti, ho avuto anche poco tempo per cui non ho potuto rifinire bene la scultura.

 

“Testaggine” gennaio 2017

testblogtest-blogtest-blogs5691

Marmo di Carrara

Dimensioni: 38 x 29 – spessore 14

Avendo ricevuto in dono questo marmo con gli angoli arrotondati, (probabilmente era un basamento) ho pensato alla forma di una testuggine, il nome mi ha fatto pensare anche ad una “testa” , quindi ne ho ricavata una sul dorso facendone un viso.

Volendo, il titolo  “Testaggine”  potrebbe essere inteso come testardaggine, caparbietà per la mia voglia di  continuare nella mia arte, cosa molto difficile nella società.

Anche se datata gennaio 2017 la scultura era quasi finita ai primi di novembre poi per problemi vari di salute ecc.  mia e di famiglia ho potuto rifinirla a gennaio 2017.

“Carica d’amore” Giugno 2016

Carica d'amore Blog

Materiale: tronco radice di castagno selvatico

Dimensioni: 56 x 34 x h 67  –  Colori: impregnante noce, palissandro e acrilici

Ho impiegato molto tempo a pulire questo tronco molto duro, l’ho fatto nei momenti di pausa tra sculture e dipinti. Da subito mi sembrava una figura che mi faceva pensare al pittore Arcimboldo,  visto che usciva un ramo dalla parte posteriore ho pensato di fargli una freccia, successivamente cambiando idea ho deciso di inserirgli un cuore, volevo chiamarlo trafitto d’amore poi guardandolo meglio mi sembrava più una molla di ricarica allora ho deciso per “Carica d’amore”.

Ringrazio Roberto che mi ha regalato questo legno proveniente dai boschi di Villa di Chiavenna vicino al torrente Valà.

Fuga di cervelli (bronzo) giugno 2016

Fuga di cervelli Fuga Cervelli blog

dimensioni: 53 x 34 x h 45

Ho realizzato questa mia prima scultura in Bronzo partendo dall’originale in legno.

“Fuga di cervelli” in questa società dove non si premiano i meritevoli lasciandoli scappare.

Ho voluto patinare il cervello con nitrato d’argento in modo da renderlo chiazzato grigio e più vicino ad un cervello reale, la lingua usando nitrato di ferro, per le gambe fegato di zolfo e per gli occhi acrilico.

“Di-vino” febbraio 2016

Tecnica: Acrilico – dimensioni: 50 x 70

Penso che molte persone bevendo si credano delle persone dotate di poteri divini con il solo risultato di mettere a repentaglio la vita propria e quella altrui. Io non sono un amante dell’alcol ne tanto meno dotato di poteri divini mi sono solo ritratto come se fossi  un attore che interpreta i miei dipinti, già che c’ero ho creato la mia bottiglia di spumante mettendo la mia data di nascita e la firma. Guardandolo da lontano mi sembra anche una specie di Santo Graal  moderno.

 

Mostra Comune di Chiavenna (giugno 2015)

Il Municipio di Chiavenna diviene una galleria d’arte locale

Con l’iniziativa “Il Comune si veste d’arte locale” la Sala Giunta e l’atrio d’ingresso  (scultura in pietra ollare “Fusione dell’Uomo”) si sono trasformati in una piccola sala espositiva. Si inizia con le opere ironiche e fantasiose di Luca Salvadalena.

http://www.valtellinanews.it/articoli/Il-Municipio-di-Chiavenna-diviene-una-galleria-d-arte-locale-20150625/#.VY05vvnBeDc.facebook

ComuneBlog2

 Luca Salvadalena con l’assessore alla cultura Lorenza Martocchi

Scultura “Farfallone”

“Iniezione di vita” (maggio 2015)

Fatto per un concorso del Comune di Como per un progetto di Poster Art  ispirato al tema EXPO nutrire il pianeta, energia per la vita, da affiggere a Como.

Che questa specie di siringa pompa dai colori Italiani (dove risiede l’EXPO) possa inondare il mondo di cibo e di buoni propositi.

Tecnica: pastelli e china

Comoposteblogr.

 

 

 

 

Spirito Libero presenta “Ironia e Fantasia” martedì 16/12/2014 (oggi) Domaso (CO)

Blog

“Rinculo” “Visulo” “Orecchione” “Zoccola” “Piantata in Asso” “Mi hai rotto”
Luca Salvadalena è “Fuori come un balcone”! …. e potremo conoscerlo da vicino martedì sera a Domaso al Cafè Flambè ore 21 per una serata tra tutti coloro che hanno uno “Spirito Libero”

“Spirito Libero” presenta: “Ironia e Fantasia” con i lavori di Luca Salvadalena
Oggi alle 21.00
Cafè Flambè a Domaso

Premio Terna 06 – ottobre 2014

Ho partecipato a questo importante concorso “Premio Terna 06.
Speriamo possa portarmi fortuna.
Ecco il link dove poter vedere la scultura “Anfibio”

http://www.premioterna.it/it/art/anfibio

Un po uomo,un po pesce. Questi due mondi diversi ed uniti allo stesso tempo.
Un futuro pianeta Atlantide moderno dove l’essere umano possa scoprire nuove mondi, nuove energie, esperienze, nuove creatività, tecniche e forse capire meglio la vita rispettandola. Chissà quante Sirene e nuove creature da scoprire.
Anf Bl Ter

“La grande orecchia” marzo 2014

Chissà se vincerò anche io l’Oscar come il film “La grande bellezza”?
Ho fatto questo dipinto come prova per alcuni colori ecc. non é niente di che.
Non avevo una idea ben precisa, mi é venuto in mente come soggetto l’orecchio (prendendo spunto dalla mia scultura “Farfallone”) rendendolo come se fosse un viso, naso e occhio rappresentati con alberi e capelli con prato. Successivamente sentendo parlare dell’Oscar vinto dal film “La grande bellezza” mi é venuta l’idea di chiamare il dipinto “La grande orecchia” visto che é un orecchio molto grande fatto tipo montagna.

“Anfibio” febbraio 2014

Anfibio Blog

altezza: 59 – larghezza: 29,5 spessore: 9,5

Legno di Ulivo

Ecco la mia ultima scultura, attualmente è esposta nel centro storico di Chiavenna nella vetrina dell’erboristeria “I Naturali” in Via Paolo Bossi 1O.
Ho realizzato questa scultura avendo a disposizione una bella asse di ulivo (l’ho tagliate in due e incollata) e quindi ho cercato di farci stare una figura, un pesce un po’ uomo “ANFIBIO”.
Debbo dire che l’ulivo è molto duro e nello stesso tempo molto fragile, non si adatta a realizzare sculture, però ha una bella venatura.

Ringrazio l’artista di Campedello Orlando Scaramella che mi ha regalato questa  bella asse di legno.