“Testaggine” gennaio 2017

testblogtest-blogtest-blogs5691

Marmo di Carrara

Dimensioni: 38 x 29 – spessore 14

Avendo ricevuto in dono questo marmo con gli angoli arrotondati, (probabilmente era un basamento) ho pensato alla forma di una testuggine, il nome mi ha fatto pensare anche ad una “testa” , quindi ne ho ricavata una sul dorso facendone un viso.

Volendo, il titolo  “Testaggine”  potrebbe essere inteso come testardaggine, caparbietà per la mia voglia di  continuare nella mia arte, cosa molto difficile nella società.

Anche se datata gennaio 2017 la scultura era quasi finita ai primi di novembre poi per problemi vari di salute ecc.  mia e di famiglia ho potuto rifinirla a gennaio 2017.

“Carica d’amore” Giugno 2016

Carica d'amore Blog

Materiale: tronco radice di castagno selvatico

Dimensioni: h 71 x 57  –  Colori: impregnante noce e acrilici

Ho impiegato molto tempo a pulire questo tronco molto duro, l’ho fatto nei momenti di pausa tra sculture e dipinti. Da subito mi sembrava una figura che mi faceva pensare al pittore Arcimboldo,  visto che usciva un ramo dalla parte posteriore ho pensato di fargli una freccia, successivamente cambiando idea ho deciso di inserirgli un cuore, volevo chiamarlo trafitto d’amore poi guardandolo meglio mi sembrava più una molla di ricarica allora ho deciso per “Carica d’amore”.

Ringrazio Roberto che mi ha regalato questo legno proveniente dai boschi di Villa di Chiavenna vicino al torrente Valà.

Fuga di cervelli (bronzo) giugno 2016

Fuga di cervelli Fuga Cervelli blog

dimensioni: 53 x 34 x h 45

Ho realizzato questa mia prima scultura in Bronzo partendo dall’originale in legno.

“Fuga di cervelli” in questa società dove non si premiano i meritevoli lasciandoli scappare.

Ho voluto patinare il cervello con nitrato d’argento in modo da renderlo chiazzato grigio e più vicino ad un cervello reale, la lingua usando nitrato di ferro, per le gambe fegato di zolfo e per gli occhi acrilico.

“Di-vino” febbraio 2016

Tecnica: Acrilico – dimensioni: 50 x 70

Penso che molte persone bevendo si credano delle persone dotate di poteri divini con il solo risultato di mettere a repentaglio la vita propria e quella altrui. Io non sono un amante dell’alcol ne tanto meno dotato di poteri divini mi sono solo ritratto come se fossi  un attore che interpreta i miei dipinti, già che c’ero ho creato la mia bottiglia di spumante mettendo la mia data di nascita e la firma. Guardandolo da lontano mi sembra anche una specie di Santo Graal  moderno.

 

“Avocado” dicembre 2015

 

Dimensioni: 100 x 70

Tecnica: acrilico

Mi é venuto in mente questa estate mentre ero al mare di realizzare questo dipinto giocando sul nome del frutto Avocado.

Avocado detto in dialetto del sud potrebbe significare avvocato e purtroppo sappiamo tutti come vanno le leggi oggi.

Speriamo cambino e vinca la vera giustizia, per far questo bisogna che cambi l’essere umano.