“Guardone” febbraio 2011


Materiale: Legno di tiglio – dimensioni: 107 x 40 x 35

Ecco qui la mia ultima scultura “Guardone”, guardatela!

Guardare per scoprire, imparare, guardare dentro di noi per conoscere al meglio e apprezzare la nostra vita.

L’ho finita a fine gennaio dipingendo alcuni particolari in acrilico e dandole la vernice finale a febbraio.
E’ esposta da oggi nella vetrina dell’erboristeria “I Naturali” in Via Bossi 10 a Chiavenna.
Questa scultura ha avuto una preparazione lunga.
Ho iniziato a scolpirla ad aprile 2010 per poi lasciarla causa il mio trasferimento a Carrara (scultura in marmo Quadrifaccia), dopo di che per lasciare riposare le braccia ho fatto alcuni dipinti.
Dovevo riprendere a settembre ma causa una macchina che mi ha tagliato la strada ho rotto 3 costole, quindi ho dovuto aspettare ancora (fatto 2 dipinti) riprendendo a novembre.

Uomo o Donna? Quale testa indossare? (3-09)

uomo-o-donna-12Dimensioni: altezza: 77- larghezza: 74 – profondità: 60
Materiale: legno di Tiglio con alcune parti dipinte in acrilico

Ecco finita questa scultura, é la più grande che ho fatto é la più impegnativa per via del peso e delle dimensioni.

In quale situazione é meglio essere Uomo o Donna?
Obiettivamente io consiglio di essere Uomo, molti più vantaggi, anche se dal punto di vista estetico é meglio essere donna.
E voi …? Cosa ne pensate?
Nella prossima vita … Uomo o Donna?

E’ esposta nella vetrina del negozio di tessuti ecc. “Alle Città D’Italia” nel centro storico di Chiavenna in Piazza Pestalozzi, angolo Via Dolzino.
(dal 22 aprile a fine maggio)

uomo-o-donna-2

uomo-o-donna-3

Vita spezzata -incidente stradale (maggio 2008)

Legno: Tiglio – Dimensioni: lunghezza:1,04 – larghezza: 56 -altezza: 26

Ecco qui finita la scultura “Vita spezzata”, potrebbe essere il risultato di nostre scelte sbagliate.
Forse bisognerebbe pensarci di più.
La VITA…. la cosa più importante che abbiamo.

Ho portato questa scultura dopo aver spiegato cosa rappresentava, in occasione della mostra della parrocchia di S. Fedele (31 maggio -15 giugno 08) a Chiavenna.

RISULTATO: Dopo pochi minuti mi chiama il parroco Don Giuseppe Paggi, mi dice che ha avuto dei disguidi con una persona, se posso portarla via. Vado per riprenderla, mi dice che non c’é più problema, di lasciarla. Dopo pochi giorno, vado a controllarla, me la trovo coperta con un grande pannello, passo il giorno dopo, é ancora coperta, alloro la ritiro assieme al quadro “FIORLUCA” che avevo fatto per loro.

Più conosco le persone, più mi accorgo che lealtà, correttezza sono solo parole. Io non sono così !